91011

Un vino che rappresenta una mappa, un tessuto urbano, una storia antica. La storia di Alcamo.

91011

Un vino che rappresenta una mappa, un tessuto urbano, una storia antica. La storia di Alcamo.

Note al gusto

Giallo paglierino con riflessi verdolini.

Il bouquet fruttato e floreale, con sentori di fiori bianchi, come la zagara, scorza di limone, arancia amara, accenno di frutti tropicali e percettibile la nota erbacea, è completato da un finale speziato e minerale.

In bocca notiamo subito la freschezza del catarratto, media struttura, note sapide e minerali con una chiusura amarognola caratteristica del vitigno principe dell’alcamese.

Nel dettaglio

Territorio: San Nicola, Alcamo

Vigneti: Catarratto

Altimetria: 350 slm

Clima: Caldo e temperato

Temperatura media annuale: 17,5°

Piovosità media annuale: 595mm

Sistema di allevamento: Controspalliera

Potatura: Mista, Guyot

Densità di coltivazione: 3300 piante c. per ettaro

Periodo di raccolta: II° Decade di Settembre

Alcool: 12%

Note al gusto

Giallo paglierino con riflessi verdolini.

Il bouquet fruttato e floreale, con sentori di fiori bianchi, come la zagara, scorza di limone, arancia amara, accenno di frutti tropicali e percettibile la nota erbacea, è completato da un finale speziato e minerale.

In bocca notiamo subito la freschezza del catarratto, media struttura, note sapide e minerali con una chiusura amarognola caratteristica del vitigno principe dell’alcamese.

Nel dettaglio

Territorio: Camporeale

Vigneti: Grillo

Altimetria: 350 slm

Clima: Caldo e temperato

Temperatura media annuale: 17,5°

Piovosità media annuale: 595mm

Sistema di allevamento: Controspalliera

Potatura: Mista, Guyot

Densità di coltivazione: 3300 piante c. per ettaro

Periodo di raccolta: I° Decade di Settembre

Alcool: 12%

Abbinamenti

Un vino da gusta con sarde, gamberi, ragù di polpo, busiate, pesto trapanese, o pesce spada e melanzane con pomodorino di pachino, e anche con pasta al macco di fave, oppure tenerumi e cozze.

Vinificazione

In riduzione, si inizia con la diraspo-pigiatura, si procede con una pressatura soffice, con presenza di gas inerte e a una sedimentazione statica a bassa temperatura.

Dopo l’inoculo dei lieviti selezionati, il mosto fermenta ad una temperatura di 18°C – 19°C.

Il vino affina in vasche d’acciaio, con le fecce fini che saranno movimentate settimanalmente per 2 mesi. Si procede con l’imbottigliamento

Abbinamenti

Un vino da gusta con sarde, gamberi, ragù di polpo, busiate, pesto trapanese, o pesce spada e melanzane con pomodorino di pachino, e anche con pasta al macco di fave, oppure tenerumi e cozze.

Vinificazione

In riduzione, si inizia con la diraspo-pigiatura, si procede con una pressatura soffice, con presenza di gas inerte e a una sedimentazione statica a bassa temperatura.

Dopo l’inoculo dei lieviti selezionati, il mosto fermenta ad una temperatura di 18°C – 19°C.

Il vino affina in vasche d’acciaio, con le fecce fini che saranno movimentate settimanalmente per 2 mesi. Si procede con l’imbottigliamento

Un vino per Alcamo

Una mappa, un tessuto urbano, una storia antica.

L’etichetta ci racconta questo e molto di più. Ci narra di un vino la cui appartenenza alla città di Alcamo si palesa soprattutto allo sguardo di un occhio attento e sensibile alla sua storia.

Un vino per Alcamo

Una mappa, un tessuto urbano, una storia antica.

L’etichetta ci racconta questo e molto di più. Ci narra di un vino la cui appartenenza alla città di Alcamo si palesa soprattutto allo sguardo di un occhio attento e sensibile alla sua storia.